Oltre 1 italiano su 2 li acquista con regolarità (il 25% di chi non li ha mai provati dichiara che lo farà.

Sono 22 milioni gli italiani che oggi consumano prodotti a base vegetale e il 25% di chi ancora non li ha ancora provati dichiara che lo farà in futuro. Il comparto è in continua crescita e nel 2022, i consumi di alimenti e bevande VEG hanno registrato un ulteriore incremento di quasi 3 punti percentuali (+2,8%).

Ma chi li sceglie, li conosce davvero? A questa domanda ha cercato di rispondere l’indagine “Gli Italiani e i prodotti a base vegetale”, condotta da AstraRicerche per il Gruppo Prodotti a base vegetale di Unione Italiana Food, per scoprire quanto gli italiani sanno dei plant-basede quali pregiudizi, invece, aleggiano ancora intorno al comparto.

Il 75,5% dei consumatori di prodotti a base vegetale dichiara di sapere esattamente di cosa sono fatti; merito anche di etichette chiare e veritiere a cui 9 consumatori abituali su 10 (8 su 10 per i consumatori in generale) prestano particolare attenzione. Non solo, il 71,3% di coloro che conoscono i prodotti a base vegetale li ritiene buoni e gustosi, il 71,1% li considera digeribili, il 71% li vede come un aiuto per una corretta nutrizione e il 70,3% li ritiene fatti sulla base di ingredienti di origine naturale e di alta qualità. 

Per approfondire l’argomento, inviamo:

  1. di seguito e in allegato il comunicato stampa con i risultati dell’indagine AstraRicerche/ Gruppo Prodotti a base vegetale di Unione Italiana Food
  2. Infografica  a corredo, con le principali evidenze della survey
  3. Fotogallery dei prodotti a base vegetale

Per ulteriori informazioni e/o richieste di intervista è disponibile l’ufficio stampa del Gruppo Alimenti a base vegetale – UIF c/o INC-Istituto Nazionale per la ComunicazioneElena Mastroieni –  e.mastroieni@inc-comunicazione.it – 334.6788706Federica Aruanno – f.aruanno@inc-comunicazione.it – 344.3449685 Grazie per l’attenzione e buon lavoroFederica —Federica AruannoMedia Relation Specialist tel  +39 06 44 16 08 43mobile +39 344 344 96 85

PRODOTTI A BASE VEGETALE, CONTINUA LA CRESCITA (+2,8% NEL 2022)

22 MILIONI DI ITALIANI LI CONSUMANO ABITUALMENTE

 ETICHETTA SENZA SEGRETI PER 8 ITALIANI SU 10

  • Gli italiani che consumano abitualmente prodotti a base vegetale sono 22 milioni e il consumo è in continua ascesa. 2 italiani su 3 (64,3%) li portano in tavola almeno una volta al mese (e 1 su 4 almeno una volta a settimana) e il 25% di chi ancora non li consuma dice che lo farà in futuro.
  • Il 75,5% di chi li conosce sa esattamente di cosa sono fatti (e il dato sfiora l’80% tra i consumatori abituali). Un dato che indica ottima consapevolezza considerata la “giovane età” dei prodotti a base vegetale. Solo il 3,2% degli Italiani non sa cosa siano.
  • Il merito è anche delle etichette che per i consumatori sono chiare ed esplicite (80,9%), facili da leggere e comprensibili (78,3%), veritiere e non fuorvianti (79,6%). Insomma, chi li acquista sa perfettamente che cosa sono e che cosa sta mangiando.
  • Per i consumatori sono buoni e gustosi (71,3%), digeribili (71,1%), un aiuto per una corretta nutrizione (71%) e per il pianeta (70,3%), fatti sulla base di ingredienti di origine naturale (70,3%) e di alta qualità (70%).
  • Lucilla Titta, IEO: “I plant-based nascono da materie prime vegetali che fanno parte da sempre della nostra alimentazione, come verdure, cereali e legumi. Sono prodotti totalmente differenti dalla carne sintetica (o, per meglio dire, “carne coltivata”), tanto per caratteristiche quanto per composizione e non hanno punti di contatto”

Sono “il prodotto del momento”. Oltre 1 italiano su 2 li acquista con regolarità (il 25% di chi non li ha mai provati dichiara che lo farà[1]e registrano, ogni anno, tassi di crescita continua (nel 2022+2,8% a volume[2]). Sono i prodotti a base vegetale. Ma chi li consuma, li conosce davvero? Ha ben chiare le loro caratteristiche? Il 75,5% di chi già conosce questi prodotti (numero molto elevato di per sé, ancor di più se si considera la “giovane età” di questi prodotti) sa esattamente di cosa sono fatti i plant-based (con punte dell’80% tra i consumatori abituali e nelle fasce d’età più adulta) e solo l’1,4% dichiara di non saperlo (il restante 23,1% dimostra di avere una conoscenza parziale di questi prodotti). Il merito? E’ anche di etichette chiare, comprensibili e veritiere, a cui 9 consumatori abituali su 10 (8 su 10 per i consumatori in generale) prestano particolare attenzione, dimostrando di sapere esattamente quello che mangiano.È questa la foto scattata da un’indagine[3] AstraRicerche e Gruppo Prodotti a base vegetale di Unione Italiana Food (la più grande Associazione di rappresentanza diretta di categorie merceologiche nel settore alimentare in Italia e in Europa), che ha messo a confronto 1.200 persone tra conoscitori di prodotti a base vegetale, consumatori (abituali e saltuari) e non consumatori, per capire quanto gli italiani sanno dei plant-based e quali pregiudizi, invece,aleggiano ancora. 

Partiamo dai numerinel 2022, a fronte di un aumento complessivo delle confezioni vendute pari a quasi a 3 punti percentuali, spiccano gli incrementi a volume a 2 cifre di burger e piatti pronti (gastronomia & salumi + 11,7%); il +2,6% messo a segno da gelati e dessert e la tenuta delle bevande vegetali (+0,4%)[4].

Una crescita in linea con quel 16% di italiani che dichiara di voler aumentare l’acquisto di questi prodotti. “I plant-based sono entrati nelle scelte alimentari di moltissime famiglie in Italia”, spiega Salvatore Castiglione, Presidente Gruppo Prodotti a base vegetale di Unione Italiana Food. “Oggi sono oltre 22 milioni i consumatori che li hanno provati e poi inseriti regolarmente nella propria dieta. Una scelta forte e indiscutibilmente consapevole. La ricerca lo conferma: chi li acquista sa bene cosa sono i plant-based e cosa sta mangiando”.

CONSUMATORI SEMPRE PIÙ ATTENTI E INFORMATI A TAVOLA: È CHIARA LA CONOSCENZA DEI PLANT-BASED

Fra gli italiani che conoscono i plant-based, 2 su 3 li consuma abitualmente e 1 su 4 li ha introdotti nel proprio regime alimentare su base settimanale. Solo 2 su 10 non li hanno mai consumati. Tra chi li conosce è alto il livello di consapevolezza sulla composizione di questi prodotti, grazie in primis al fatto che il 79,3% legge le etichette (percentuale che sale fino al 92% presso i consumatori più fedeli). Per i consumatori di plant-based, le etichette risultano ‘esplicite e chiare’ per l’80,9%; ‘facili da leggere e comprensibili’ per il 78,3%; ‘veritiere e non fuorvianti’ per il 79,6%. Solo il 6% considera le attuali denominazioni dei prodotti a base vegetali poco chiare.

Chi li conosce li ritiene buoni e gustosi (71,3%), digeribili (71,1%), un aiuto per una corretta nutrizione (71%) per il Pianeta (70,3%),fatti sulla base di ingredienti di origine naturale (70,3%) e di alta qualità (70%).Spingono il consumo di questi prodotti l’esigenza di variare l’alimentazione quotidiana (41,8%, percentuale che sale tra gli over 55) e la voglia di ridurre il consumo di proteine animali (32,2%). E a chi pensa che i plant-based siano una “moda passeggera”, oltre 7 su 10 rispondono che non è così, perché ormai consolidati nelle abitudini alimentari degli italiani, mentre solo un esiguo 7% li reputa un fenomeno destinato a “sgonfiarsi”.“Questi prodotti – spiega il Presidente Castiglione – sono figli del nostro tempo. E, come tutti i prodotti ‘di successo’, rispondono a un’esigenza, dichiarata e percepita, del consumatore. Il loro mercato è cresciuto negli ultimi anni ed è destinato a crescere ancora per una ragione molto semplice: i plant-based incontrano e appagano le richieste di tanti consumatori. Non dimentichiamo che prodotti come le polpette di melanzane, le panelle di ceci o il latte di mandorle (solo per citarne alcuni) fanno parte da sempre della nostra cultura culinaria. Il mondo delle aziende ha risposto in questi anni a una richiesta crescente del consumatore, lavorando per portare sulle tavole prodotti buoni, di qualità, semplici da preparare e gustare, in linea con la nostra Dieta Mediterranea. Ecco il segreto del loro successo”.

SALUTARI E SOSTENIBILI: I PRINCIPALI PLUS DEGLI ALIMENTI VEG

L’82,7% degli intervistati che conoscono i plant-based ne evidenzia i pregi in termini di “salute”, perché permettono di variare la dieta, perché realizzati con ingredienti di origine naturale e perché consentono di mangiare maggiori quantità di vegetali. Anche sulla sostenibilità dei plant-based quasi 8 conoscitori su 10 (77,5%) sono concordi. Restano dubbi solo tra un 15,6% che pensa erroneamente che questi prodotti siano realizzati consumando molta acqua e producendo ingenti quantità di anidride carbonica“È una credenza errata: numerosi studi hanno dimostrato che i prodotti vegetali hanno un ridotto impatto ambientale”, confermaLudovica Principato, Professoressa Aggregata in Gestione Sostenibile di impresa, Università Roma Tre“Il cibo che consumiamo ha un impatto diretto sul Pianeta e sull’uso delle sue risorse naturali: in Italia,l’adozione diffusa di una dieta  ‘flexitariana’, più ricca di alimenti di origine vegetale (come verdura, frutta, cereali integrali, legumi), avrebbe effetti molto positivi in termini di minori emissioni di gas serra e maggiore risparmio idrico, rispetto all’attuale regime alimentare seguito nel nostro Paese: si produrrebbero gas serra equivalenti a 106 Mt CO2eq, anziché 187; verrebbero utilizzati terreni coltivati pari a 15.000 campi di calcio, anziché 20.000; l’acqua consumata sarebbe pari a 17 km³, anziché 26, con un risparmio idrico equivalente a 3 milioni e 600 mila piscine olimpioniche[5] ”.

BURGER VEGETALI VS. CARNE SINTETICA: I CONSUMATORI RICONOSCONO LE DIFFERENZE

Solo il 4,7% degli intervistati non ha mai sentito parlare dei burger vegetali, divenuti ormai uno dei prodotti “iconici” del comparto. E solo 1 persona su 10 (13,6%) tra chi conosce i burger vegetali e la carne sintetica nutre ancora l’errata convinzione che questi prodotti possano essere la stessa cosaPer un esiguo 6% sarebbero addirittura ‘realizzati in laboratorio’Tutti pregiudizi da sfatare“Plant-based e carne sintetica (o, per meglio dire, “carne coltivata”) sono due prodotti totalmente differenti, tanto per caratteristiche quanto per composizione e non hanno punti di contatto. Chi la pensa diversamente ha un’errata convinzione che va sfatata. I plant-based nascono da materie prime vegetali che fanno parte da sempre della nostra alimentazione, come verdure, cereali e legumi. La novità di questi prodotti risiede nel modo in cui questi ingredienti vengono usati per creare qualcosa che prima non esisteva e che i consumatori hanno dimostrato apprezzare”, dichiara Lucilla Titta, biologa nutrizionista e ricercatrice presso l’Istituto Europeo di Oncologia-IEO di Milano“I prodotti a base vegetale vanno considerati come ‘alleati’ che possono aiutarci ad integrare le porzioni di cereali, legumi, frutta e verdura e a mantenere una dieta equilibrata”, conclude la dottoressa Titta

BEVANDE VEGETALI: 1 ITALIANO SU 2 OGGI NON CI RINUNCIA

9 italiani su 10 conoscono le bevande a base vegetale e tra questi almeno 1 su 2 le consuma abitualmente (50,4%). Le scelgono soprattutto a colazione (65,8%) e merenda (25,7%). I motivi del loro successo sono legati alla dieta (41,7%), ma anche alla voglia di sperimentare qualcosa di nuovo e alla curiosità (35%). “A tavola c’è posto per tutti – conclude Castiglione – e le bevande a base vegetale si presentano come una “scelta in più”, oltre che una necessità per chi non può assumere certi alimenti (come latte o yogurt). I plant-based sono oggi offerti in moltissime categorie merceologiche (bevande, ma anche burger, polpette, cotolette, prodotti al cucchiaio, gelati, dessert, salse, condimenti, etc.), ad alto contenuto di servizio, aiutano a portare in tavola uno degli ingredienti – i vegetali – alla base della dieta mediterranea, considerata nel mondo lo stile di vita più sano e salutare”.

Per maggiori informazioni visita anche il sito www.prodottiabasevegetale.it

Di admin

Lascia un commento