Si tratta del primo investimento azionario di Wizz Air nella ricerca e nello sviluppo di carburante per l’aviazione sostenibile (SAF)

Wizz Air, la compagnia aerea a più rapida crescita in Europa e più sostenibile al mondo dal punto di vista ambientale1, annuncia oggi un investimento di 5 milioni di sterline in un’azienda produttrice di biocarburanti, Firefly. Si tratta del primo investimento azionario di Wizz Air nella ricerca e nello sviluppo di carburante per l’aviazione sostenibile (SAF). La partnership con Firefly consentirà alla compagnia aerea di fornire SAF alle sue operazioni nel Regno Unito a partire dal 2028, fino a 525.000 tonnellate in 15 anni. L’accordo ha il potenziale di far risparmiare l’emissione di 1,5 milioni di tonnellate di CO2-eq.

Firefly è specializzata in un processo che converte i fanghi di depurazione, un prodotto di scarto di basso valore disponibile in grandi quantità, in SAF. Ogni anno nel Regno Unito si producono oltre 57 milioni di tonnellate di fanghi di depurazione, con un potenziale di 250.000 tonnellate di SAF.

Il SAF di Firefly, che sarà certificato in modo indipendente rispetto al principale standard di sostenibilità RSB, dovrebbe garantire una riduzione del 90% delle emissioni di gas serra rispetto al combustibile fossile per jet, in base al ciclo di vita2. Firefly intende rendere operativo il suo primo impianto commerciale entro i prossimi 5 anni3.

L’accordo con Firefly e l’investimento nella nuova tecnologia SAF rappresentano l’ultima pietra miliare della più ampia strategia di sostenibilità di Wizz Air, che comprende l’ambizioso piano di rinnovamento della flotta e le già efficienti operazioni low-cost con aeromobili di ultima tecnologia e alta densità di posti e fattori di carico. Questo rafforzerà ulteriormente la posizione di Wizz Air come leader del settore in termini di sostenibilità e spingerà il suo impegno a ridurre le emissioni di carbonio per passeggero/km del 25% entro il 2030.

Nel 2022, Wizz Air ha raggiunto la sua più bassa intensità di emissioni di carbonio annuale, pari a 55,2 grammi per passeggero/km, che rappresenta una riduzione del 15% rispetto all’anno precedente. Per raggiungere questo obiettivo, la compagnia aerea ha investito molto nella sua flotta, aggiungendo nuovi aeromobili e sostituendo quelli più vecchi con l’Airbus A321neo. L’aeromobile Airbus A321neo incorpora la tecnologia più recente, offrendo notevoli vantaggi ambientali e può attualmente volare con una miscela SAF fino al 50%. La quota dei nuovi aeromobili della famiglia Airbus A320 con tecnologia “neo” ha già superato il 50% della flotta di Wizz Air. Oltre all’ambizioso programma di rinnovo della flotta, Wizz Air è costantemente impegnata in iniziative di efficientazione del carburante e nel miglioramento dell’analisi dei dati.

Michael Berlouis, Head degli Strategic Projects di Wizz Air, ha dichiarato: “Oltre al rinnovo della flotta e all’efficienza operativa, il SAF è fondamentale per ridurre le emissioni di carbonio dell’aviazione. Tuttavia, la disponibilità di materie prime rimane la sfida principale per il settore. Il nostro investimento in Firefly e nella sua tecnologia SAF a base di fanghi di depurazione rappresenta per Wizz Air un importante passo avanti per garantire la sua capacità a lungo termine di fornire tariffe a basso costo ai suoi clienti in modo sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale. A partire dal 2028, puntiamo ad acquistare 525.000 tonnellate di SAF da Firefly per un periodo di 15 anni. Questo ha il potenziale di ridurre le nostre emissioni di 100.000 tonnellate di CO2-eq all’anno, pari alle emissioni di oltre 12.000 voli di andata e ritorno di Wizz Air tra Londra e Budapest“.

James Hygate, CEO di Firefly Green Fuels, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di stabilire una partnership con Wizz Air. L’investimento accelererà la commercializzazione del nostro rivoluzionario processo Firefly e l’accordo vincolante di acquisto consentirà di risparmiare ben 1,5 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio. Firefly favorirà un cambiamento di passo verso il futuro del trasporto aereo. La materia prima, i fanghi di depurazione, è disponibile in grandi quantità a livello globale e con Firefly possiamo farne un uso veramente vantaggioso, riducendo l’uso di combustibili fossili nelle aree più difficili da decarbonizzare“.

Wizz Air

Wizz Air, la compagnia aerea europea ultra low cost in più rapida crescita, opera con una flotta di 181 Airbus A320 e A321. Un team di professionisti dell’aviazione offre un servizio di qualità superiore e tariffe molto basse, rendendo Wizz Air la scelta preferita di 27,1 milioni di passeggeri nell’anno finanziario F22 conclusosi il 31 marzo 2022. Wizz Air è quotata alla Borsa di Londra con il simbolo WIZZ. La compagnia è stata recentemente nominata una delle dieci compagnie aeree più sicure al mondo da airlineratings.com, l’unica agenzia di valutazione della sicurezza e dei prodotti al mondo, e Compagnia aerea dell’anno da Air Transport World (ATW) nel 2020 e nominata Compagnia aerea dell’anno da Air Transport Awards nel 2019 e nel 2023, l’onorificenza più ambita che una compagnia aerea o un individuo possano ricevere, che riconosce gli individui e le organizzazioni che si sono distinti per prestazioni eccezionali, innovazione e servizio superiore. Wizz Air è stata anche riconosciuta come “Compagnia aerea low-cost più sostenibile” nell’ambito dei World Finance Sustainability Awards 2022 e come “Gruppo aereo dell’anno per la sostenibilità ambientale globale” dai CAPA-Centre for Aviation Awards for Excellence 2022.

Firefly

La tecnologia di Firefly è nata nei laboratori di Green Fuels, un’azienda pioniera nel settore dei carburanti rinnovabili fondata nel 2003 e insignita nel 2013 di un Royal Warrant of Appointment da parte dell’ex S.A.R. il Principe di Galles, oggi Re Carlo III. Firefly dimostra un percorso tecnologico integrato verso il SAF utilizzando i fanghi di depurazione come materia prima, rispondendo a un’opportunità di mercato e a un’esigenza non soddisfatta. Questo percorso, una volta qualificato secondo gli standard internazionali, si affiancherà ad altri percorsi di sviluppo e sarà una risorsa strategica per il Regno Unito all’interno del suo portafoglio nazionale di SAF. Il progetto prevede la progettazione e la costruzione di un impianto dimostrativo, in grado di generare le quantità di combustibile necessarie per la qualificazione. A sua volta, questo impianto porterà alla creazione di una raffineria commerciale unica nel suo genere e alla sua diffusione in diverse località del Regno Unito, dove aeroporti, terminali di oleodotti e impianti di trattamento delle acque reflue si trovano nelle immediate vicinanze.

1 Secondo il CAPA – Centre for Aviation Awards for Excellence 2022

2 Sulla base di calcoli indipendenti dell’Università di Cranfield.

3 Il SAF deve essere miscelato con il jet fuel convenzionale per soddisfare i requisiti normativi per l’uso nell’aeromobile.

Di admin

Lascia un commento