Si svolgerà dal 11 al 15 ottobre a Brindisi nel porticciolo turistico di Marina di Brindisi, lo Snim; il salone nautico della Puglia, che tratta  di nautica, cantieri e formazione, in un periodo dove il settore nautico italiano sta vivendo una vera e propria “primavera”:  con una produzione sempre più massiccia che tocca i massimi storici. Non a caso,  le esportazioni italiane di imbarcazioni da diporto e sportive, secondo l’ultima ricerca Istat, hanno toccato un importo di 593 milioni di euro a maggio e 603 milioni di euro a giugno , risultando quest’ultimo il record mensile più alto di sempre. In questo contesto si svolge la diciannovesima edizione dello Snim che farà registrare dei record per quanto riguarda l’estensione degli spazi espositivi, di numero di barche a terra e in acqua  e di numero di espositori provenienti da ogni parte d’Italia.
Un appuntamento che vedrà presenti le più significative realtà della cantieristica nautica italiana. Ne costituisce una conferma l’attenzione riposta da Confindustria Nautica, partner dello SNIM, così come dai maggiori protagonisti della blueeconomy italiana”.

Lo Snim mira anche e soprattutto a trasformare la nautica in un opportunità di lavoro per i giovani del sud, a tal fine si è sigillato un accordo con l’ITS “Istituti Tecnici Superiori”  che fin ora ha generato 85 ragazzi formati nel settore della logistica , l’86 per cento dei quali ha trovato lavoro.

A Palazzo Nervegna si è discusso proprio di questo alla presenza  dell’Assessore regionale alla Formazione Sebastiano Leo,  Monica Calzetta (dirigente del settore formazione professionale della Regione Puglia),  Anna Cammalleri (consigliere del Presidente della Regione Puglia per le Politiche Integrate Formazione Occupazione e Cittadinanza Attiva nel Sistema Puglia) e del Comandante della Capitaneria di porto CV Luigi Amitrano.

L’assessorato alla Formazione della Regione Puglia anche quest’anno realizzerà, nell’ambito dello SNIM, il “Villaggio della Formazione”, con un’area espositiva di venti stand dedicati ai partner del Progetto e con l’obiettivo di approfondire le opportunità lavorative nel settore della nautica. “Lo abbiamo fortemente voluto – ha affermato Leo – perché siamo perfettamente consapevoli delle grandi opportunità che rivengono da un appuntamento così importante come è diventato lo Snim nell’ambito della nautica italiana”.

Lascia un commento