Oggi conosciamo Rossana Multari, Angel Investor di Accelera Hub, specialista del Metaverso che ci presenta il suo nuovo libro: Il Metaverso. Un’esperienza virtuale per mille settori; nuove opportunità di mercato. Un libro che ci mostra come la tecnologia e l’innovazione saranno estremamente presenti nella nostra quotidianità, cambiandola per sempre.

· Cosa ti ha spinto ad approfondire l’argomento del Metaverso e a diventata specialista di questo particolare settore?

Tutto è iniziato quando mi sono chiesta in che direzione stesse andando il mercato, e quali fossero le innovazioni che avrebbero impattato sulla vita delle persone.

· Come mai hai deciso di scrivere questo libro?

La mia intenzione è quella di comunicare alla gente quanto il metaverso impatterà nelle nostre vite e in quelle delle aziende , quanti vantaggi e opportunità di lavoro in particolare, saranno coinvolte in questo mondo, che rappresenta una vera e propria commistione tra virtuale e reale.  In questo modo, ho scelto di chiarire, tramite il libro, gli aspetti più controversi del metaverso, quelli cioè, che arrecano maggiori perplessità alle persone , basandomi soprattutto sulla mia esperienza.

· Il libro affronta il tema  di opportunità di lavoro connesse al metaverso: ci spieghi in che senso?

Essendo una realtà nuova e ancora in gran parte inesplorata, il metaverso ha bisogno di figure lavorative che oggi non esistono e che saranno la normalità in un futuro che non è nemmeno troppo remoto! Si tratta di tecnici che siano una unione di un programmatore e un marketing manager o un grafico. Professionisti  che abbiano una forte dimestichezza con i sistemi hardware e software e al contempo dotati di gusto estetico per riproporre virtualmente un ambiente reale migliorato. Così come, c’è da sottolineare che il metaverso stravolgerà le abitudini di lavoro di figure professionali già esistenti: banalmente, il postino dovrà imparare a consegnare la posta tramite avatar.

· Nel libro sono indicati settori che otterranno maggiori benefici rispetto ad altri , o al contrario, non è possibile fare previsioni a riguardo?

Come ripeto spesso, e come ho spiegato nel mio libro, il metaverso è un elemento che porterà tanti vantaggi in molteplici ambiti di mercato, ma quello che, a mio parere potrà essere davvero rivoluzionato è il settore medico sanitario. Infatti, tramite il metaverso, sarà possibile per i pazienti prenotare  e farsi visitare da un luminare americano senza doversi muovere fisicamente per arrivare in America: ciò sarà possibile perché l’avatar sarà in possesso di tutte le informazioni mediche necessarie, viaggerà con il proprio “bagaglio clinico” composto di documenti, accertamenti e quant’altro.  In questo modo, ci sarà anche un  abbattimento delle barriere economiche che permetterà a tutti di poter accedere al servizio sanitario solo con un semplice collegamento al metaverso senza dover sopportare spese di viaggio e di ricovero in ospedale. Nello stesso senso, grazie al metaverso nel  settore del retail, tornerà in voga la vendita assistita: pensiamo alle  PMI che decideranno di aprire un negozio nel metaverso saranno dotati di avatar che forniranno assistenza al cliente per riesumare il concetto della “vendita assistita” oramai scemato con il modello e-commerce.   Altro settore in cui il metaverso ha già avuto un’applicazione ricorrente è quello dell’architettura e dell’arredamento: non a caso esiste già la cosiddetta architettura 4.0 che supporta i professionisti nella progettazione di arredamenti di uffici, dimore e spazi aperti riproponendo nel mondo virtuale l’ambiente che desiderano creare nella realtà. Oltre alle “case” e agli “uffici” privati, nel metaverso ci saranno anche spazi di intrattenimento (altro settore fortemente impattato) : parchi di divertimento virtuali, teatri, cinema, gallerie d’arte, sale da concerto, centri commerciali, arene sportive, o qualsiasi altro spazio pubblico di aggregazione. Nel metaverso non si deve tener conto di parametri che nella realtà sono da considerare come lo spazio il tempo e le finanze, in tal senso, gli architetti e i designer o gli arredatori possono dare voce al proprio estro e ciò potrebbe portare ad una revisione dell’architettura tradizionale con una sorta di rinascimento architettonico futuristico, come sostenuto da tanti studiosi.

· Nel libro menzioni aziende che già stanno approcciando al metaverso? Ci sono anche PMI italiane?

Sicuramente il metaverso ha già conosciuto esperienze ed eventi tantissimi brand famosi come la Nike in Fortnite o Gucci in Roblox , perlopiù, allo scopo di ricreare ambienti immersivi per gli utenti che possono scegliere collezionare e scambiarsi prodotti digitali. Tra le aziende Italiane che spiccano nel panorama generale del metaverso  da un punto di vista tecnologico non possiamo non menzionare Olimaint con la piattaforma Oliverse legata alla divisone Oli tech. La società nata per mano di Giovanni Nicolini, figlio professionale del noto imprenditore Adriano Olivetti è una delle imprese più longeve nel panorama IT nazionale, nata nel 1981 ad oggi è punto di riferimento per centinaia di imprese.

· Esisterà secondo te una normativa univoca , in grado di guidare la realtà nel metaverso?

La parte legale del Metaverso è un tema caldo. Molti paesi stanno già lavorando su questo affinché ci siano delle linee comuni in termini di privacy, scambio dati e linee guida comuni in questa realtà virtuale. È stato costituito il Metaverse Standards Forum come associazione tra i diversi paesi per coordinamento e standardizzazione pragmatica e tempestiva per tutti gli operatori del Metaverso.

Lascia un commento