L’azienda nasce a Parma nel 1935 quando Giacomo Chiesi, un farmacista con il sogno della ricerca, acquista il Laboratorio Farmaceutico Parmense dando così origine alla sua avventura imprenditoriale. All’inizio degli anni Quaranta il laboratorio si ingrandisce, iniziano le prime vendite all’estero con esportazione di farmaci in Eritrea e in Austria, ma nel 1944 l’attività viene fermata dall’esplosione di una bomba che distrugge buona parte del laboratorio. Dopo la fine della guerra l’attività riprende, viene assunto il primo collaboratore scientifico e viene lanciata la prima pomata a base di penicillina, mentre Giacomo Chiesi valuta la possibilità di comperare un terreno per costruirvi una “vera fabbrica”. Il nuovo stabilimento produttivo viene inaugurato nel 1955, conta 50 dipendenti e una produzione allargata di medicinali di successo. L’azienda nasce a Parma nel 1935 quando Giacomo Chiesi, un farmacista con il sogno della ricerca, acquista il Laboratorio Farmaceutico Parmense dando così origine alla sua avventura imprenditoriale. All’inizio degli anni Quaranta il laboratorio si ingrandisce, iniziano le prime vendite all’estero con esportazione di farmaci in Eritrea e in Austria, ma nel 1944 l’attività viene fermata dall’esplosione di una bomba che distrugge buona parte del laboratorio. Dopo la fine della guerra l’attività riprende, viene assunto il primo collaboratore scientifico e viene lanciata la prima pomata a base di penicillina, mentre Giacomo Chiesi valuta la possibilità di comperare un terreno per costruirvi una “vera fabbrica”. Il nuovo stabilimento produttivo viene inaugurato nel 1955, conta 50 dipendenti e uDopo il successo di Clenil il settore terapeutico d’interesse si estende anche all’area degli antiinfiammatori e antidolorifici tanto che nel 1989 nasce Brexin. Questo antiinfiammatorio dall’azione rapida e con buona tollerabilità gastrica, in poco tempo viene commercializzato in oltre 60 paesi, ottiene la certificazione per la commercializzazione negli Stati Uniti e un brevetto internazionale. Inizia così la nuova spinta globale dell’azienda. Quasi dieci anni dopo l’inizio dell’avventura brasiliana, l’internazionalizzazione è fortissima, sia in ambito europeo che extraeuropeo. Dal 1987 ad oggi Chiesi approda, in ordine temporale, in Pakistan, Francia, Spagna, Grecia, Gran Bretagna, Austria e paesi dell’Est europeo, Stati Uniti, Germania, paesi del Magreb, Turchia, Bulgaria, in Cina e nei paesi Scandinavi.

Lascia un commento