Questa piccola agenzia di Trento ha le idee chiare e soprattutto la volontà di accompagnare il cliente verso una maggiore consapevolezza del ruolo della comunicazione. Un aspetto emerso con velocità durante la pandemia e che ha spinto molte aziende ad aggiornarsi negli strumenti e nell’approccio, come ci racconta l’amministratore delegato Lorenzo Viesi Rallentato e poi decisamente accelerato da tutte le dinamiche portate in circolo globalmente dal Covid-19, anche il mondo della comunicazione ha dovuto adeguarsi in fretta alle nuove necessità generate dalla pandemia e dai suoi effetti collaterali. Un obbligato cambio di marcia che è riuscito a mettere a terra Vitamina Studio – 420mila euro di fatturato nel 2022 a fronte di 6 dipendenti –, agenzia di comunicazione che, pur non essendo di grandi dimensioni, sta continuando a crescere in modo progressivo dal 2011, anno in cui la realtà trentina si è per la prima volta affacciata sul mercato.

“Il lockdown e quanto ci siamo trovati a vivere in quel difficile periodo hanno innescato processi che ormai sono diventati consuetudini soprattutto nel mondo del lavoro – spiega Lorenzo Viesi (nella foto in alto), titolare e amministratore delegato di Vitamina Studio –. In questa ottica siamo stati svelti ad abbracciare la filosofia dello smart working e, soprattutto, a farci trovare pronti quando molte aziende hanno capito di non poter più andare avanti senza strumenti in grado di permettere loro di avere piena cittadinanza nell’universo del web”. Chi insomma, non più di cinque anni prima, aveva rifiutato la collaborazione di Vitamina Studio motivando il no con la poca voglia di “spendere soldi in più” per un nuovo sito internet, giudicato sostanzialmente ininfluente per la crescita dei numeri del fatturato, si era trovato a cambiare idea e a correre ai ripari compreso il peso specifico di poter disporre di uno strumento potente e ormai commercialmente indispensabile come una funzionale piattaforma web aziendale. “L’estrema quanto rapida digitalizzazione di quei tempi ha obbligato tante imprese a mettere una pezza ai ritardi tecnologici accumulati nel tempo. Le riunioni fatte con le video call ed altre necessità non più differibili hanno dato il via alla corsa per avere un sito web all’altezza della concorrenza: chi ne era sprovvisto ha dovuto costruirselo, un frangente storico in cui ci siamo fatti trovare pronti ad intercettare quelle richieste di aiuto”. Processo di sviluppo che continuerà a passare per un’artigianalità professionale capace di fidelizzare ogni tipo di clientela. “Mentre proseguiamo nell’opera di ulteriore strutturazione necessaria per consolidare giornalmente la nostra posizione sul mercato, non scordiamo di certo di mettere estrema cura nei rapporti lavorativi – chiarisce Viesi –. Non siamo un’agenzia nazionale ma locale, quindi riusciamo a seguire i vari progetti con un modus operandi personalizzato e con l’obiettivo di arrivare, tra qualche tempo, a poter offrire i nostri servizi a tutto il mondo del B2B industriale. Quello usato in Vitamina Studio è un metodo per affiancare il cliente ben definito e ripetibile. Partiamo dall’analisi di committente e del mercato in cui opera, poi definiamo la strategia e a seguire il brand. Dopo di che ci occupiamo del sito web, brochure, company profile, dell’eventuale partecipazione a fiere e, infine, del digital marketing”. Maniera di approcciarsi al mercato che, negli ultimi 30-35 anni, ha di fatto cambiato pelle al lavoro delle agenzie di comunicazione, trovatesi a dover fare i conti con i paletti che ha iniziato a mettere il consumatore finale. “Negli anni ‘90, in pratica, i brand potevano raccontare ciò che volevano ad un consumatore poi, però, diventato a poco a poco persona – sottolinea l’ad dell’azienda di base a Trento –. Una sorta di processo di democratizzazione della comunicazione sfociato, ai giorni nostri, in un dialogo che poggia su valori reali, autentici. E chi, per esempio, ha provato a parlare di sostenibilità ambientale con una bottiglietta di plastica sul tavolo durante una conferenza stampa credo non abbia fatto una bella figura. 

Lascia un commento