Neosperience, pmi innovativa quotata sull’indice Euronext Growth Milan (Egm), e attiva nel settore dell’intelligenza artificiale, ha lanciato Neosperience Pulse, una nuova piattaforma potenziata dall’AI generativa. Il prodotto, che si integra con i principali sistemi informativi aziendali, è pensato per aumentare l’efficienza delle imprese in settori che vanno dal manifatturiero ai servizi finanziari.

Dopo l’annuncio il titolo di Neosperience scambia a 2,04 euro, in rialzo del 2% alle 11 di mercoledì 13 marzo. Nell’ultimo anno la società ha guadagnato circa il 5%, con un’accelerazione negli ultimi 30 giorni (+14% circa).

Neosperience Pulse consente alle aziende di creare un «Digital Twin» (gemello digitale) dei propri processi produttivi, integrando i dati e permettendo un monitoraggio dettagliato. L’intelligenza artificiale generativa può aiutare ad anticipare anomalie e inefficienze, guidando le decisioni strategiche delle società e riducendo i costi. 

Basata su ricerche documentate e vincitrice di premi accademici, Neosperience Pulse mira a migliorare la sincronizzazione dei flussi di materiali e la puntualità delle consegne, proiettando le aziende verso il futuro dell’Industria 4.0 e oltre. Prosegue intanto il percorso di quotazione della controllata Neosperience Health al Nasdaq. A dicembre Neosperience aveva fatto sapere di aver depositato presso la Security and Exchange Commission (Sec) la documentazione necessaria per avviare il processo di ipo, con l’intenzione di andare in borsa già nel primo trimestre 2024. Al momento, però, la società è ancora in attesa del disco verde della Consob americana e secondo fonti di mercato l’iter dovrebbe concludersi nei prossimi mesi. 

Lascia un commento