L’autorità di regolamentazione e vigilanza dei mercati finanziari dell’UE (ESMA), ha pubblicato un documento di consultazione sulla digitalizzazione dei servizi di investimento, in ottica di protezione degli investitori.

Con tale documento, in consultazione sino al 14 marzo 2024, l’ESMA chiede alle parti interessate di fornire indicazioni sugli strumenti digitali e sulle pratiche di marketing.

Gli spunti di riflessione ed i suggerimenti che perverranno dagli interessati arricchiranno il punto di vista dell’ESMA su come promuovere la protezione degli investitori sfruttando al contempo i vantaggi dell’innovazione.

Il presente documento è di interesse principalmente per le autorità competenti, le imprese soggette alla Direttiva 2014/65/UE sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID II) e i loro clienti, ovvero, in particolare:

  • le organizzazioni di investitori e di consumatori;
  • le imprese di investimento e agli istituti di credito che forniscono servizi e attività di investimento;
  • le società di gestione di OICVM, i GEFIA e le società di gestione;
  • qualsiasi associazione di categoria pertinente.

Può inoltre interessare altresì tutte quelle imprese che forniscono piattaforme di coinvolgimento digitale degli utenti (“digital engagement practices”).

Più nel dettaglio, l’ESMA, con il documento in consultazione, intende esaminare il panorama in evoluzione degli investimenti, tra cui:

  • il recente sviluppo nell’adozione di strumenti digitali e social media da parte di imprese e gli investitori al dettaglio, in seguito alla pandemia di Covid-19;
  • l’esplorazione di come la tecnologia influenzi il comportamento e il processo decisionale degli investitori, specie quelli al dettaglio.

Le raccomandazioni dell’ESMA riguardano i seguenti argomenti principali:

  • la stratificazione e accessibilità delle informazioni;
  • le comunicazioni e pratiche di marketing digitale;
  • l’uso degli influencer;
  • le caratteristiche sociali delle app di investimento;
  • la cd. “gamification” (ovvero quella metodologia di insegnamento che usa il gioco per favorire il coinvolgimento emotivo);
  • le tecniche di nudging (ovvero quelle “spinte gentili”, che indirizzano la scelta corretta modificando il contesto in cui essa viene presa);
  • i modelli oscuri (cd. “Dark patterns”), ovvero quelle interfacce progettate in modo ingannevole, al fine di manipolare il comportamento degli utenti.

I feedback in questione consentiranno all’ESMA di sviluppare, in futuro, potenziali mandati relativi a nuovi standard tecnici sulla digitalizzazione dei servizi di investimento.

FONTE: https://www.dirittobancario.it/art/consultazione-esma-sulla-digitalizzazione-dei-servizi-di-investimento/

Lascia un commento