Nell’ultimo mese, sia le mid cap che le small cap hanno registrato performance peggiori rispetto alle large cap, in parte per via di risultati inferiori alle attese.

Così sostiene Andrea Randone, Head of Mid Small Cap Research di Intermonte nel report mensile sull’andamento del segmento italiano delle mid-small cap realizzato per il mese di marzo. “Ma dopo l’approvazione dei risultati annuali, sostiene l’analista, molte società terranno incontri con gli investitori e questa sarà un’ottima occasione per riportare l’attenzione sui fondamentali e per capire se le attuali stime di consenso possano essere più caute del dovuto”.

Investitori alla ricerca di opportunità: i dati da cui partire

Randone analizza in primo luogo il contesto economico sottolineando, in termini di performance, come il “mercato azionario italiano (prezzi al 15 marzo 2024) ha registrato una performance positiva del 6,7% nell’ultimo mese ed è in rialzo dell’11,1% su base annua”.

In riferimento alle stime, da inizio anno, gli analisti si sono concentrati su revisione del +0,6%/-0,2% delle stime sugli EPS per il 2024/2025, mentre in relazione alla copertura delle mid/small cap, invece, sono stati ridotti gli EPS per il 2024/2025 del -1,7%/-1,9%.

Quale strategia d’investimento

Nell’ultimo mese, conclude l’esperto di Intermonte, sia le mid cap (in misura minore) che le small cap (in misura maggiore) hanno registrato performance peggiori rispetto alle large cap, in parte per via di risultati inferiori alle attese.

In molti casi, abbiamo la sensazione che il mercato abbia puntato troppo su titoli che avevano già registrato performance deboli e che ora vengono scambiati a multipli interessanti. Come nei mesi scorsi, la scarsa liquidità ha determinato forti oscillazioni di prezzo. Nei prossimi giorni, dopo l’approvazione dei risultati annuali, molte società terranno incontri con gli investitori, in particolare alla STAR Conference di Milano; crediamo che questa sarà un’ottima occasione per riportare l’attenzione sui fondamentali. Gli investitori cercheranno di verificare la validità dei modelli di business e di capire se le attuali stime di consenso possano essere più caute del dovuto. In generale, continuiamo a ritenere che i titoli Growth recupereranno terreno e che le mid/small cap siano un ottimo proxy del Growth in Italia.

FONTE: https://www.wallstreetitalia.com/investimenti-nuove-opportunita-dalle-presentazioni-dei-risultati-annuali/

Lascia un commento