Italian Tech

Il 2022 si chiude con 14.708 startup in Italia. Il numero più alto di sempre

Al terzo trimestre 2022 risultano 14.708 startup registrate, il numero più alto di sempre. Una su quattro ha sede in Lombardia, 11.214 (il 76,2 %, 3 su 4) sono attive nei servizi alle imprese (in particolare: produzione di software e consulenza informatica, 39,6%, ricerca e sviluppo, 14,2%, attività dei servizi d’informazione, 8,6%). Sono inoltre 2.600 le under 35 e 2 mila quelle femminili. È quanto risulta dai dati aggiornati del monitoraggio trimestrale dedicato ai trend demografici e alle performance economiche delle startup innovative.

I dati, al 30 settembre 2022, sono frutto della collaborazione tra il MIMIT (Direzione Generale per la Politica Industriale, l’Innovazione e le PMI), InfoCamere, Unioncamere e Mediocredito Centrale. Secondo i numeri forniti dal report di Mediocredito Centrale sul Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese le operazioni autorizzate verso startup innovative ed effettivamente tradottesi nella concessione di un finanziamento sono state 14.043, per quasi 2,4 miliardi di euro finanziati e 1,9 miliardi di euro garantiti. 

Perché è importante. Il report mostra, inoltre, un incremento del valore medio della produzione delle startup innovative, pari a circa 211 mila euro (47 mila euro in più rispetto al secondo trimestre). In aumento anche l’attivo medio, pari a poco più di 408 mila euro, circa +20 mila euro, rispetto alla precedente rilevazione. La produzione complessiva, infine, ammonta a 2.068.143.474 euro, un dato superiore di quasi 700 milioni di euro rispetto a quello registrato al termine del trimestre precedente (1.371.271.643 euro).

Dove. La Lombardia, il Lazio e la Campania si confermano le prime tre regioni italiane per numero di startup innovative.

 

Club degli investitori, operazioni per 13 milioni nel 2022 (+30%)

Club degli investitori ha chiuso il 2022 con 13 milioni di euro investiti a supporto di 23 società innovative, pari a una crescita del 30% rispetto al 2021.

Dove ha investito. Undici i nuovi investimenti del venture capital, tra cui: Zaphiro, cleantech svizzera attiva nel settore delle smart grid, FlexiWan, tech company israeliana attiva nel mercato degli SD-WAN, Movenzia.com, digital company che propone nuovi e innovativi modelli di ownership nel settore mobility, Roomless, proptech che ha sviluppato una piattaforma di affitti a medio termine, Avida Global, scaleup internazionale attiva nel mercato della cannabis medicinale, WeGlad, startup social impact verticale sui temi diversity & inclusion per le persone con disabilità motoria, e Nebuly, aI open-source company che sviluppa una piattaforma di ottimizzazione della performance di sistemi di intelligenza artificiale.

Le 51 startup italiane al Ces di Las Vegas

Si presenterà con 51 startup l’Italia all’esposizione internazionale sulle innovazioni, il Ces, a Las Vegas dal 5 all’8 gennaio 2023. Il nostro Paese sarà uno dei soli 20 con un suo padiglione e, con il motto “A Taste of Italian Innovation”, presenterà ai potenziali clienti e investitori esteri le sue idee. 

Che fanno. Tra i progetti, i parastinchi da calcio con sensori che rilevano le giocate di chi li indossa, un purificatore d’aria indossabile, un sistema di autenticazione per lo sblocco di qualsiasi dispositivo, che si attiva con onde celebrali. In generale l’intelligenza artificiale protagonista dei sistemi sviluppati, con gli utilizzi più disparati: dal risparmio energetico alla cybersecurity. Fra le aziende anche AindoContentsFiloFlywallet e Kippy.    

Da dove vengono. Le 51 start up presenti arrivano da diverse parti del paese, tra cui 9 dalle delegazioni della Regione Marche, 10 dalla delegazione Sardegna Ricerca, altre da Piemonte, Lombardia, Liguria e Lazio. 

Equity crowdfunding

Questa settimana la startup Weart ha raccolto 817 mila euro su Backtowork. La società sviluppa interfacce indossabili che consentono di ampliare la gamma di esperienze virtuali, aggiungendo il senso del tatto. La proptech Quantum 1 ha raccolto 319 mila euro su Crowdfundme. 

Il bando

È aperta fino al 16 gennaio la selezione di startup promossa da Takeoff Accelerator, programma della Rete Nazionale Acceleratori di Cdp vc dedicato alle ai progetti che sviluppano soluzioni e servizi nei settori dell’aerospazio e dell’advanced hardware. 

Che succede in Europa

Ecommerce. Razor, un aggregatore di ecommerce basato a Berlino, ha chiuso un round da 70 milioni di dollari guidato dal fondo di private equity statunitense L Catterton.

  • Ricerca e Sviluppo di Startup Nautiche : Il Ruolo Chiave di Accelera Hub

    Ricerca e Sviluppo di Startup Nautiche : Il Ruolo Chiave di Accelera Hub

    L’esperienza e la competenza che ho sviluppato durante gli anni di carriera nel settore nautico, rappresentano una risorsa preziosa per il ruolo che attualmente ricopro all’interno di uno dei più prestigiosi acceleratori italiani: Accelera Hub. L’importante network sviluppato durante i viaggi di lavoro è ciò che oggi consente di spostarmi facilmente nel panorama nautico internazionale,…


  • Captayn Platform: l’assistenza del futuro per le barche in un’app

    Captayn Platform: l’assistenza del futuro per le barche in un’app

    Captayn Platform è un’innovativa app del settore nautico, sviluppata da Yachtalia per gestire al meglio le richieste di assistenza, manutenzione e ricambi, riducendo drasticamente i tempi di risposta e aumentando l’efficienza dell’azienda. Yachtalia, attiva dal 2012, conta circa 25 professionisti dedicati alle attività di after sales, offre i suoi servizi in tutto il mondo a cantieri…


  • Resoconto dell’Evento Apple di Maggio 2024

    Resoconto dell’Evento Apple di Maggio 2024

    Recentemente, Apple ha tenuto il suo atteso evento “Let Loose”, durante il quale ha presentato una serie di innovazioni significative, soprattutto nel segmento degli iPad. Di seguito, vi fornisco una panoramica dettagliata delle principali novità annunciate. Un keynote pieno di novità e di futuri sviluppi: finalmente è arrivata l’intelligenza artificiale di Apple, o meglio la “Apple…